allotrofagia

Sai cos’è l’allotrofagia?



L’allotrofagia o pica è un disturbo del comportamento alimentare , che fa parte dell’insieme dei disturbi alimentari qualitativi. La parola allotrophage o allotrophagy è composta dalle radici “allotrios” (l’altro, lo strano) e “phagein” (mangiare).

Qualunque sia il termine utilizzato, questo disturbo alimentare è caratterizzato da un’assunzione frequente o persistente di sostanze insolite e non nutritive.

Possibili cause di allotrofagia

Non esiste una causa definitiva per spiegare l’allotrofagia. In altre parole, non esiste un’ unica origine per tutti i casi e per tutte le persone. Ci sono diverse spiegazioni in cui vengono considerati i vari fattori. Questi sono associati ad aspetti nutrizionali, fisiologici e metabolici, nonché a disturbi psicologici e gusti personali.

Cause nutrizionali

Alcune spiegazioni relative alla comparsa di allotrofagia suggeriscono che sarebbe correlata a carenze di alcuni minerali necessari nel corpo , in particolare ferro e zinco. Soprattutto perché alcune persone con questo disturbo consumano sostanze che contengono alte percentuali dei suddetti oligoelementi.

Allo stesso modo, l’allotrofagia può influenzare anche la malnutrizione, poiché nella maggior parte dei casi ciò che viene ingerito non ha valore nutritivo. Sebbene siano state identificate gravi carenze minerali, non è del tutto chiaro come funzioni il nesso causale tra questo disturbo e queste carenze.

Aspetto neuropsichiatrico e neurofisiologico

Alcune lesioni cerebrali sono associate a disturbi alimentari. Allo stesso modo, alcuni problemi neurologici o psichiatrici sono collegati alla comparsa di allotrofagia.

Questi includono disturbi comportamentali e dello sviluppo neurologico come ritardo mentale, disabilità intellettiva, autismo, sindrome di Down, schizofrenia o disturbo ossessivo compulsivo.

Cause sensoriali

Un altro fattore da considerare ha a che fare con il gusto. Il consumo o l’ingestione di determinate sostanze genera una sensazione di piacere nella persona per il loro odore, gusto o consistenza.

Questo spiegherebbe perché li ingeriscono anche se non sono molto nutrienti o se sono pericolose. Consumare ad esempio cose sporche, sapone o vernice dà loro piacere, non importa quanto strano o spiacevole possa sembrarci.

Fattori psicosociali

Un altro aspetto legato all’allotrofagia è la riduzione dell’ansia o dello stressPuò anche avere a che fare con meccanismi di apprendimento o condizionamento operante quando i principi di ricompensa o punizione funzionano.

In questo modo, mangiare cose nocive e senza valore nutrizionale diventerebbe una forma di dipendenza. Sebbene non sia una spiegazione per l’aspetto del comportamento, questo ci permette di capire come e perché si mantiene nel tempo.

Fattori culturali, economici e sociali

Può essere pratica di alcuni gruppi sociali consumare sostanze scarsamente nutrienti.

 Così avviene con gli aborigeni Maasai dell’Africa, che bevono sangue.

In questo ordine di idee, fattori economici (povertà, fame), culturali (costumi, pratiche, rituali), nonché fattori sociali e familiari (abbandono, famiglie disfunzionali) contribuiscono alla comparsa e al mantenimento dell’allotrofagia.

Tipi di allotrofagia

Esistono diverse classi di allotrofagia, a seconda della sostanza verso la quale la persona ha sviluppato la fissazione. Successivamente vedremo quelli più comuni.

Pagofagia

La pagofagia è il desiderio irresistibile e irrefrenabile di mangiare ghiaccio o cose fredde. È più comune nelle donne in gravidanza. È considerata una delle forme più innocue di questo disturbo poiché il ghiaccio non rappresenta apparentemente alcun pericolo.

Tuttavia, mangiarlo in eccesso, soprattutto se masticato, è a lungo andare dannoso per i denti che possono fratturarsi. Allo stesso modo, c’è il rischio di malnutrizione se la persona vuole mangiare solo ed esclusivamente ghiaccio.

Tricofagia

Deriva da “tricha” (“capelli” in greco). Si riferisce all’assunzione di capelli, che a sua volta è associata alla tricotillomania che è l’ossessione di tirare i capelli o i capelli.

Questo può portare alla formazione di una palla di pelo nel tratto digerente, in particolare nello stomaco. Una massa di materiale indigeribile all’interno del corpo che conosciamo più comunemente nel mondo animale ma che può riguardare anche gli esseri umani.

Litofagia

Deriva da ‘lithos’ (pietre) ed è il consumo di piccole pietre o ciottoli . È relativamente comune, per quanto strano possa sembrare. Alcuni animali, come i polli, lo fanno anche per aiutare il processo digestivo.

Il problema nell’uomo è che la litofagia può causare l’ostruzione del tubo digerente, perché questo materiale non viene digerito e spesso non può essere espulso agevolmente.

La geofagia, quando si mangiano pietre e terra (Pietre)

Geofagia

Come suggerisce il nome, si tratta dell’ossessione di mangiare la terra in tutte le sue varianti: argilla, sabbia, fango. Sebbene possa apparire innocuo, il problema risiede nei germi che possono essere presenti in questo materiale.

Alcuni animali, come i pappagalli in Amazzonia, mangiano argilla per estrarne minerali. 

La geofagia è una pratica comune in alcune culture e in alcune tribù africane.

Coprofagia

La coprofagia è l’ingestione di feci. È associato a determinate pratiche sessuali come il feticismo, il sadomasochismo e la sottomissione. Nei bambini è qualcosa che può accadere quando non hanno ancora imparato che non dovrebbe essere fatto.

Il problema nasce dal fatto che i batteri presenti nei rifiuti possono compromettere la salute della persona, provocando diverse malattie. È una via di contagio, ad esempio, per l’escherichia coli.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *